Skip to main content

Brescia, città della 1000 Miglia

La Leonessa d’Italia culla della Freccia Rossa

Dal 1927 la 1000 Miglia si identifica nella città delle sue origini: Brescia. Il luogo che è passato, presente e futuro, anima e cuore della Corsa, luogo di partenza e arrivo sin dalla prima edizione.

Brescia e i quattro moschettieri

La Leonessa d’Italia deve molto a Giovanni Canestrini, Franco Mazzotti, Aymo Maggi e Renzo Castagneto, i “Quattro Moschettieri” che hanno dato vita a quella che, ancora oggi, è conosciuta come “la Corsa più bella del mondo”.

Una storia iniziata a Milano, con l’accensione della prima scintilla nell’inverno del 1926, e cresciuta nel tempo attraverso evoluzioni e momenti straordinari, per arrivare ai giorni nostri. Grazie ai fondatori, dal 1927 i luoghi e il nome della città sono in maniera indissolubile legati alla Freccia Rossa.

Renzo Castagneto, il Deus ex machina della 1000 Miglia

Dalla fine degli anni Venti, Renzo Castagneto, dal suo ufficio di Direttore dell’Automobile Club di Brescia, ha retto le fila di un’organizzazione immensa, lunga 1.600 km, mantenendo i contatti con Case automobilistiche e piloti di tutto il mondo. Nonostante un carattere tutt’altro che facile, l’organizzatore godeva di grandissima considerazione, intrattenendo rapporti e sfoggiando un notevole intuito che incontrava i gusti del pubblico.

Le indiscusse capacità organizzative di Castagneto dimostrate con la 1000 Miglia lo hanno portato, nel tempo, al timone della Targa Florio, del Gran Premio d’Italia, del Giro d’Italia ciclistico fino alla Tripoli-Tobruk. Ma è a Brescia e alla Corsa che il suo nome rimane legato.

L’allestimento e il pubblico di Brescia

Castagneto si era attivato in modo che Brescia proponesse manifestazioni collaterali a sostegno della Corsa, arredando la città con i colori della Freccia Rossa, esposti su bandiere, striscioni, fiaccole e luminarie.
Grande era stato il successo riscosso dall’allestimento di piazza della Vittoria, con gli ombrelloni e le caratteristiche transenne di legno, al punto che la piazza era risultata essere la più fotografata in Italia di quegli anni, aggiungendo lustro e fama alla città e alla 1000 Miglia.

La cittadinanza poteva vivere la Corsa anche da lontano, grazie agli altoparlanti che ne diffondevano la cronaca e ai tabelloni che esponevano le classifiche su corso Zanardelli. Negli anni si sono susseguite altre manifestazioni in città, dai concorsi ai cortei di ragazzi, alle esposizioni, al conio di medaglie, l’emissione di francobolli, fino addirittura alla “Mille Miglia per piccioni viaggiatori”. L’atmosfera creata da Castagneto, alla quale aveva contribuito l’internazionalità degli ospiti, ha reso Brescia, per una settimana, ciò che il “direttore” voleva: la Capitale dell’automobilismo mondiale.

Le punzonature tra il 1927 e il 1931

Tra i luoghi più rappresentativi della Freccia Rossa c’è piazza Vittoria, dove ha luogo la cerimonia della punzonatura.

Dal momento che i lavori di realizzazione della piazza erano iniziati solo nel 1929, le prime edizioni della Corsa hanno vissuto la preparazione nel “recinto della Birreria Wührer”, non molto lontano da viale Venezia che da sempre ospita la partenza della 1000 Miglia. Nel 1931, o forse già dal 1930, probabilmente per la necessità di maggior spazio a causa del più elevato numero di concorrenti, la punzonatura si era trasferita al Foro Boario, a sud di viale Venezia.

La nascita di Piazza Vittoria

Non si dovette aspettare a lungo perché la punzonatura trovasse la sua ubicazione definitiva. I lavori per la realizzazione di piazza Vittoria durarono meno di tre anni e l’intervento, che modificò radicalmente il volto del cuore cittadino, rappresentò la soluzione definitiva ai problemi di spazio legati alle fasi preparatorie della 1000 Miglia.

A conclusione dei lavori e senza aspettare l’inaugurazione ufficiale, tenutasi nel novembre del 1932 in occasione della visita di Benito Mussolini, ad aprile Renzo Castagneto trasferì a piazza Vittoria le operazioni di punzonatura, vetrina e passerella per i personaggi famosi, non solo del mondo automobilistico, che arrivavano a Brescia.

Bruno Boni: il Sindaco della 1000 Miglia

Nel secondo dopoguerra, l’allora sindaco di Brescia, Bruno Boni, comprese subito l’importanza e l’utilità di una manifestazione di interesse mondiale per la collettività, diventando così uno dei più fervidi sostenitori della 1000 Miglia in Italia e affiancando Renzo Castagneto nell’organizzazione della Corsa.

Così, mentre Castagneto, sulla pedana di legno di viale Venezia, sventolava la bandiera a scacchi dell’arrivo, a Boni era riservato il via. Il Sindaco della 1000 Miglia, al posto del Tricolore solitamente utilizzato per la partenza delle corse, optò per sventolare una bandiera bianca e azzurra con i colori della città.

Continua a leggere la storia della 1000 Miglia

Esplora i prossimi capitoli per scoprire gli eventi principali che hanno reso la 1000 Miglia la gara di auto conosciuta in tutto il mondo: dalle origini alle ultime edizioni della gara di regolarità.

Seguici sui social

#1000miglia
Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons
2 months ago

Domani alle 12:00 nei giardini del Rebuffone il Tributo ai fondatori della 1000 Miglia: Aymo Maggi, Renzo Castagneto, Franco Mazzotti e Giovanni Canestrini, i “Quattro Moschettieri” che hanno dato vita a quella che, ancora oggi, è conosciuta come “la Corsa più bella del mondo”.
.
.
.
The Tribute to the founders of the 1000 Miglia will take place tomorrow at midday in the Rebuffone gardens: Aymo Maggi, Renzo Castagneto, Franco Mazzotti and Giovanni Canestrini, the “Four Musketeers” who gave life to what is still known today as “the most beautiful race in the world
_______________________
#1000Miglia #1000Miglia2022
... See MoreSee Less

Domani alle 12:00 nei giardini del Rebuffone il Tributo ai fondatori della 1000 Miglia: Aymo Maggi, Renzo Castagneto, Franco Mazzotti e Giovanni Canestrini, i “Quattro Moschettieri” che hanno dato vita a quella che, ancora oggi, è conosciuta come “la Corsa più bella del mondo”.
.
.
.
The Tribute to the founders of the 1000 Miglia will take place tomorrow at midday in the Rebuffone gardens: Aymo Maggi, Renzo Castagneto, Franco Mazzotti and Giovanni Canestrini, the “Four Musketeers” who gave life to what is still known today as “the most beautiful race in the world
_______________________
#1000Miglia #1000Miglia2022
2 months ago

Un'auto iconica che nel 1938 ha sostituito la TA in casa MG (Morris Garages). Il motore 4 cilindri da 1.250 cc. alimentato da carburatori doppiocorpo e la produzione di soli 379 esemplari, rendono questa MG TB del 1939 la più rara tra tutte le T-Type.
.
.
.
An iconic car which replaced the TA in MG (Morris Garages) in 1938. The 1,250 cc 4-cylinder engine fed by twin-body carburettors along with the fact that only 379 were produced make this 1939 MG TB the rarest of all T-Types.
________________________
#1000miglia #1000Miglia2022
... See MoreSee Less

Unauto iconica che nel 1938 ha sostituito la TA in casa MG (Morris Garages). Il motore 4 cilindri da 1.250 cc. alimentato da carburatori doppiocorpo e la produzione di soli 379 esemplari, rendono questa MG TB del 1939 la più rara tra tutte le T-Type.
.
.
.
An iconic car which replaced the TA in MG (Morris Garages) in 1938. The 1,250 cc 4-cylinder engine fed by twin-body carburettors along with the fact that only 379 were produced make this 1939 MG TB the rarest of all T-Types.
________________________
#1000Miglia #1000Miglia2022
2 months ago

Una Rally ABC Grand Sport del 1928 che sfila tra gli sguardi meravigliati del pubblico, attraversando borghi e città fra le eccellenze italiane.
.
.
.
A 1928 Rally ABC Grand Sport drives in between the rows of amazed spectators as it passes through villages and towns of Italian excellence.
________________________
#1000miglia #1000Miglia2022
... See MoreSee Less

Una Rally ABC Grand Sport del 1928 che sfila tra gli sguardi meravigliati del pubblico, attraversando borghi e città fra le eccellenze italiane.
.
.
.
A 1928 Rally ABC Grand Sport drives in between the rows of amazed spectators as it passes through villages and towns of Italian excellence.
________________________
#1000Miglia #1000Miglia2022
2 months ago

26 Marzo 1927 - 26 Marzo 2022
Buon Compleanno 1000 Miglia, sei bella come il primo giorno!

1927, March 26 - 2022 , March 26
Happy Birthday 1000 Miglia, you look as beautiful as the first day!
... See MoreSee Less

26 Marzo 1927 - 26 Marzo 2022 
Buon Compleanno 1000 Miglia, sei bella come il primo giorno!  1927, March 26 - 2022 , March 26 
Happy Birthday 1000 Miglia, you look as beautiful as the first day!

The award ceremony ends this extraordinary, evocative and incredibly emotional adventure.
Many thanks to those who participated and to you who followed us step by step over these fantastic four days!
________________________
#1000Miglia #CoppadelleAlpi #CoppadelleAlpi2022

The Coppa delle Alpi 2022 has its winners: Gianmario Fontanella e Anna Maria Covelli on board a 1939 Lancia Aprilia. In second place comes Roberto Crugnola and Francesco Mosconi with a 1937 FIAT 508 C and then Francesco Di Pietra and Giuseppe Di Pietra on a 1938 FIAT 508 C.

All the cars have crossed the finish line in Brixen!
After the Time Control at the end of the race the crews wait for the final classification.
________________________
#1000Miglia #CoppadelleAlpi #CoppadelleAlpi2022

The final destination is getting closer: the competing cars cross the Sella Pass and Val Gardena after competing for the City of Brixen Trophy in the Time Trials in Canazei.
________________________
#1000Miglia #CoppadelleAlpi #CoppadelleAlpi2022

After climbing the Marmolada, right after the Average Trials, the cars headed towards the Fedaia Pass, an alpine pass on the border between Trentino Alto Adige and Veneto which is one of the most tourist destinations of the mountain chain known as the Queen of the Dolomites.

After stopping for lunch in Caprile, the crews faced the Average Trial that will take them to the Fedaia Pass.
________________________
#1000Miglia #CoppadelleAlpi #CoppadelleAlpi2022

This error message is only visible to WordPress admins

Important: No API Key Entered.

Many features are not available without adding an API Key. Please go to the YouTube Feed settings page to add an API key after following these instructions.